Ago 06 2016

IMPARARE DALLE ALTRE SPECIE ANIMALI

Pubblicato da at 09:37 archiviato in Psicologia,Psicoterapia e taggato: ,

“Un movimento perpetuo, somma di infiniti dettagli, sostiene la vulnerabile e precaria biodiversità. Se non decidiamo, se non scegliamo di cominciare una vigilanza globale sospendendo il nostro cieco dominio e la nostra imperdonabile inedia, finiremo per perdere tutto.”   

Myriam Jael Riboldi

Esiste una branca dell’etologia, chiamata Etologia Relazionale, che si occupa delle relazioni tra gli animali, sia all’interno della stessa specie che tra specie differenti.

Le ricerche di questa scienza hanno dimostrato che ogni essere vivente possiede una propria individualità, soggetta a modifiche e variazioni in conseguenza dei rapporti che intrattiene nel corso della vita.

Gli studi documentano quanto lo scambio tra le specie viventi determini importanti cambiamenti nel carattere e nell’evoluzione degli individui, che imparano l’uno dall’altro nuovi modi di comunicare e di vivere.

Le analisi e le indagini compiute dall’Etologia Relazionale ci mostrano con chiarezza come l’evoluzione sia sempre la conseguenza di una rete di relazioni.

Relazioni che, di volta in volta, permettono di scoprire nuove possibilità in seguito alla comunicazione e alla condivisione tra due o più soggetti.

Ciò che accomuna ogni essere vivente (e l’essere umano non è escluso da questi meccanismi) è la capacità di imparare, crescere ed evolvere, grazie al confronto con le altre creature che popolano il pianeta.

Viviamo immersi dentro innumerevoli reti comunicative che condizionano i comportamenti e gli apprendimenti dei partecipanti in misura maggiore o minore secondo il grado di socialità che contraddistingue ogni soggetto.

La biodiversità, cioè l’insieme delle peculiarità che caratterizzano ogni individuo e ogni specie vivente, diventa così una ricchezza, un patrimonio comune cui è sempre possibile attingere per mantenere alte: la curiosità, il desiderio di varietà e di cambiamento, l’avventura, la soddisfazione e la realizzazione, necessarie per vivere una vita appagante e per raggiungere un buono stato di salute, fisica, psichica e sociale.

Per l’Etologia Relazionale, la socialità si misura grazie alla capacità di interagire produttivamente sia con gli altri membri della propria specie che di specie differenti.

Questa scienza rende tristemente evidenti gli aspetti narcisistici e onnipotenti, della specie umana. 

Aspetti che ne caratterizzano la patologia e ne evidenziano la pericolosità, soprattutto in questo periodo storico.

Gli esseri umani, infatti, si pongono al di sopra di ogni specie esistente, evitando in questo modo ogni confronto e arrogandosi il diritto allo sfruttamento e all’abuso degli altri esseri viventi.

Una cultura egocentrica e edonista impedisce alla nostra evoluzione di procedere armoniosamente e ci condanna a vivere dentro un universo privo di reciprocità e di relazioni costruttive con le altre specie.

Questa chiusura comporta una totale incomprensione dei valori dell’ecosistema in cui siamo immersi e, autorizzando acriticamente la distruzione dell’equilibrio biodinamico nel quale noi stessi viviamo, conduce inevitabilmente alla devastazione della salute, nostra e del pianeta.

L’Etologia Relazionale pone l’accento sull’importanza di una visione biocentrica (capace di porre la vita stessa, e non l’uomo, al centro delle relazioni) ai fini di un’evoluzione consapevole, responsabile e in grado di rapportarsi con l’intero universo di cui facciamo parte.

E rende evidente quanto il progresso di ogni singolo individuo influenzi il miglioramento delle condizioni di vita, contribuendo a una produttiva cooperazione, intraspecifica ed extraspecifica, o, al contrario, determini un peggioramento della salute, partecipando a una pericolosa distruzione degli equilibri naturali dell’ecosistema cui apparteniamo.

In questo quadro la consapevolezza della nostra specie risente di una patologica chiusura nei confronti delle altre forme di vita.

Chiusura che è indispensabile curare e superare grazie allo sviluppo di una più profonda comprensione del valore della biodiversità e dell’importanza di una condivisione operativamente empatica con le altre creature che popolano il pianeta.

Carla Sale Musio

leggi anche:

SI È SEMPRE FATTO COSÌ

Vuoi saperne di più?

www.etolgiarelazionale.it

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Un commento presente




One Response to “IMPARARE DALLE ALTRE SPECIE ANIMALI”

  1.   myriam riboldion 06 Ago 2016 at 10:32

    Grazie Carla, di cuore :-)

Comments RSS

Lascia un commento

Codice di sicurezza: