Giu 27 2016

IL CUORE SEGUE UNA LOGICA ILLOGICA

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

Nasciamo tutti diversi e ciascuno con la proprio modo d’interpretare la vita. 

Ognuno portatore di una gamma infinita di emozioni e sentimenti. 

Ognuno con il suo modo di amare.

Poi diventiamo grandi e la società ci impone un’omologazione da cui non è possibile uscire senza sentirsi emarginati, incompresi e soli.

Dentro questo recinto, stereotipato e prevedibile, il cinismo e la competizione sono i valori più quotati e chiunque si senta tenero, emotivo o sensibile è costretto a pagare il prezzo della diversità e a nascondere (a volte anche a se stesso) il proprio mondo interiore.

Questo stile di vita, teso soprattutto a raggiungere il consenso sociale, chiamato successo o realizzazione, poggia su conseguimenti materiali e su un alto tasso di conformismo.

Infatti, per sentirsi socialmente realizzati bisogna avere:

m

1) un reddito. Col quale comprare…

2) una casa. Dove fare…

3) una famiglia. Con cui trascorrere…

4) le vacanze… viaggiare… e incontrare gli amici e i parenti…

m

E bisogna farlo nei giorni prescritti, riunendosi e mangiando insieme. 

Ma anche…

m

5) andando sempre d’accordo!

m

Chiunque non sia interessato a raggiungere questi traguardi è considerato strano, socialmente emarginato, disadattato e, probabilmente, poco sano.

La malattia mentale è la paura inconfessabile di molti. 

L’etichetta che sancisce la diversità e  l’emarginazione sociale.

Lo spettro che terrorizza al punto che, segretamente, tante persone ricorrono ai farmaci pur di non ascoltare un sistema emotivo in contrasto con i dettami della collettività.

Bisogna essere come tutti gli altri. 

NORMALI. 

Anche nei sentimenti. 

Anche nelle emozioni.

Ma non tutti riescono a lobotomizzare la propria emotività per conformarsi agli standard imposti dalla società. 

Sempre più persone risentono di questo livellamento emotivo e dell’amputazione della creatività.

E le malattie psicologiche oggi più frequenti: la depressione e gli attacchi di panico, segnalano una falla nel conformismo. 

Falla che non andrebbe curata ma valorizzata, esplicitata e incentivata.

Dentro questo scenario, la sofferenza psicologica diventa la conseguenza di un dover essere emotivamente in un certo modo impossibile da raggiungere, lo scarto tra un sentire giudicato illecito e un sentire considerato lecito, e costituisce spesso l’unica risposta sana davanti al tentativo di livellare i sentimenti in uno standard socialmente prescritto e chiamato normalità.

Così, mentre ci viene detto con insistenza cosa sia ragionevole provare nelle varie circostanze della vita, il cuore funziona a modo suo e prescinde dai dettami della ragione.

Il cuore segue una logica illogica, basata su valori diversi dagli status della normalità.

AMA.

Senza preoccuparsi se questo sia conveniente, intelligente, disdicevole o giusto.

E, per quanti sforzi faccia la ragione, non riuscirà mai a modificare i sentimenti.

Può solo scegliere di non ascoltarli.

Chi segue il proprio cuore si apre alla verità di se stesso e trova la sua unicità, la creatività che guida la sua vita e le sue scelte.

Nell’A-normalità esiste la più profonda verità di ciascuno.

Il cuore non è normale.

E’ vero.

Carla Sale Musio

Tratto da: 

LA PERSONALITÀ CREATIVA

scoprire la creatività in se stessi per trasformare la vita

Vuoi saperne di più? 

Acquista il libro

in vendita in tutti gli store on line

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Nessun commento

Nov 23 2012

NON SEI NORMALE? Questi i sintomi creativi…

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

Quando si parla di pensiero creativo, l’archetipo dell’artista, fantasioso, geniale e un po’ svitato, colora l’immaginario collettivo, spingendoci a credere che la creatività sia un’abilità rara, riservata soltanto a pochi eletti, sicuramente in possesso di qualche prezioso talento artistico ma anche detentori di una pericolosa diversità.

Tuttavia la creatività non riguarda una particolare propensione per l’arte.

Il fuoco sacro dell’ispirazione creativa è uno stato d’animo assai comune, che tutti sperimentiamo più volte nel corso dell’esistenza.

La creatività è il nucleo di una pulsante energia, il cuore radiante del nostro essere, la fonte da cui traiamo alimento, ispirazione e motivazione per dare forma alla realtà e sentirci al centro della nostra vita.

Senza creatività non potremmo vivere.

Non potremmo amare, non potremmo sognare, non potremmo cambiare… non potremmo crescere.

La creatività è un modo di essere e di sentire, profondamente legato alla sensibilità interiore e alla capacità di voler bene.

E’ la nostra maestria nel danzare la vita al ritmo della trasformazione. Mutevole, imprevedibile, cangiante.

Perciò, sì. Certamente la creatività è un dono! Ma non per pochi. Anzi! E’ una dote che possediamo tutti.

Solo che per vivere appieno la creatività è necessario avere un saldo contatto con il mondo interiore.

E questo non tutti ce l’hanno.

Per molti, purtroppo, la sfera affettiva, l’intuizione, la flessibilità, l’immaginazione, sono cose inutili, roba di cui ci si deve sbarazzare in fretta, senza perderci troppo tempo.

Ma, è proprio dal mondo interiore che la creatività prende forma arricchendo la nostra vita di possibilità espressive, di soluzioni inedite, di stimoli e di ispirazioni, ed estraendo, come da un cilindro magico, opportunità sempre diverse per affrontare le difficoltà.

La civiltà dei consumi concede poco spazio al pensiero creativo e censura la sensibilità, facendo crescere il mito dell’uomo tutto d’un pezzo, sicuro di se, imperturbabile e concreto, capace di gestire i sentimenti con la forza della ragione.

Ma il cuore funziona seguendo parametri diversi dalla logica e per sentirci parte di questa società siamo costretti a nascondere le emozioni e a indossare una maschera di freddezza e d’impassibilità.

Impersonare con successo il ruolo dell’insensibile significa rinunciare all’ascolto della parte più profonda e più vera di se stessi, e fingere (fino a crederci) che tutto sia sempre e soltanto una questione di numeri e di materialità.

Nel nostro mondo, promuovere la competizione, far crescere l’economia, cavalcare l’andamento del mercato, sono obiettivi importanti, traguardi da raggiungere con ogni mezzo.

Hanno bisogno di persone disposte a comprare e a produrre seguendo schemi e modi stabiliti dalle operazioni commerciali.

Il gioco, l’immaginazione, la tenerezza e la fantasia diventano zavorre pericolose per gli equilibri economici. Intoppi lungo il percorso della produzione e dei consumi.

Per questo oggi, il mondo interiore è considerato quasi inesistente, e i cambiamenti troppo repentini sono giudicati destabilizzanti e pericolosi.

Non sorprende che tante persone considerino la creatività: roba per pochi. E tirino dritto davanti all’intimità di se stessi, cercando di anestetizzare l’emotività e facendo le spallucce alla propria anima.

Non tutti però hanno successo in questa impresa.

Alcuni non riescono ad ammutolire il cuore.

Ci sono persone che, nonostante l’impegno e i tentativi compiuti, si sentono incapaci di surgelare la propria sensibilità per chiudersi dentro la corazza d’impassibilità e d’indifferenza richiesta dal nostro stile di vita.

Sono uomini e donne che combattono ogni giorno una battaglia personale per sopravvivere in un mondo che non li riconosce e perciò non li vede e non li rispetta.

Gente con un cuore insopprimibile e una grande generosità.

Esseri umani considerati spesso poco normali, inadeguati al ritmo competitivo della nostra società.

Sono gli sciocchi che ancora si fidano del prossimo, quelli che credono nella bontà e contano sulla lealtà di tutti.

Creature senza malizia, facili prede per i prepotenti.

Queste persone hanno una grande creatività e grazie alla disponibilità a cambiare riescono a trasformarsi, adattando se stessi ai bisogni di un mondo che non li identifica e non li considera.

Cercano, inutilmente, di nascondersi dietro un’apparente normalità.

Ma tutto questo ha un alto costo psicologico e capita spesso che proprio queste persone arrivino in terapia. Con gli occhi gonfi e l’anima a brandelli. Vittime della violenza che circola dappertutto, oramai anche dentro i pensieri.

Colpevoli di non riuscire a smettere di voler bene.

Sono questi gli individui che possiedono una personalità creativa.

Esseri dotati di una grande umanità e di una poliedrica capacità intuitiva, in grado di conoscere i sentimenti degli altri e di adattarsi velocemente alle necessità comuni, così spontaneamente e naturalmente da non rendersene, a volte, nemmeno conto.

Creature disposte ad abiurare se stesse pur di generare armonia tra tutti.

Gente difficile da inquadrare. Nascosta sotto strati di necessità… altrui.


I SINTOMI CREATIVI


Le personalità creative sono mutevoli, imprendibili, cangianti e poco comprensibili. Anche a se stesse.

Hanno bisogno di poter cambiare e di trasformarsi, come di respirare.

Non si spaventano nel mettere sempre tutto in discussione e possono, da un momento all’altro, modificare se stesse o il proprio ambiente, diventando (quasi) irriconoscibili agli occhi degli altri.

Ma, nonostante la loro poliedricità, possiedono una lealtà affettiva talmente grande da non riuscire a distaccarsi neanche da chi palesemente le fa soffrire e si approfitta delle loro peculiarità per soddisfare i propri bisogni egoistici.

I sintomi creativi, perciò sono molteplici e non è facile identificarli:

  • Di sicuro c’è sempre una grande necessità di trasformazione.

  • E c’è una grande stabilità affettiva. Le personalità creative amano con costanza e devozione, anche quando sanno di non potersi aspettare niente in cambio.

  • Hanno sempre bisogno di creare armonia. Nei luoghi, tra le persone e nelle situazioni in cui si trovano a vivere.

  • Sono donne e uomini dotati di una forte energia, che usano per raggiungere i loro scopi affettivi… poco concreti, poco commerciabili e perciò anche poco condivisibili. Traguardi osservati con sospetto e diffidenza da chi insegue gli status della materialità: soldi, potere, bellezza, successo, sesso, eccetera.

  • Persone che non fanno nessuna differenza tra le razze e tra le persone.

  • Che si commuovono facilmente.

  • E facilmente si lasciano incantare da cose piccole e di scarso valore.

  • Gente che ama amare. E che per amore è capace di compiere grandi imprese. Senza clamori. E molto spesso anche senza che nessuno se ne accorga.

  • Non sono appariscenti e non fanno tendenza. Si mimetizzano in un mondo indaffarato e distratto da apparenze più sgargianti e più scenografiche.

  • La loro generosità non appare.

  • L’ingenuità… la nascondono come possono.

  • E la profondità nel voler bene sfugge allo sguardo della materialità.

Bisogna saper leggere con gli occhi dell’anima per riconoscerli in mezzo alla gente…


“L’essenziale è invisibile agli occhi. Si vede bene soltanto con il cuore.”

(Antoine da Saint-Exupéry)

leggi anche:

CREATIVITA’ & EMPATIA 

LA PERSONALITA’ CREATIVA: ISTRUZIONI PER L’USO 

GENTE CON L’ANIMA  

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

5 commenti

Nov 06 2012

L’AMORE E’ NORMALMENTE ANORMALE

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

Maria ama gli animali più di qualunque altra cosa.

Giovanni ama sua moglie più di qualunque altra cosa.

Stefania ama i suoi figli più di suo marito.

Roberta ama sua madre più dei suoi figli.

Sandro ama i suoi alunni più di se stesso.

Ognuno di noi sperimenta l’amore con una forza e con un’intensità personale, spesso capace di renderci invincibili, in grado di superare scogli e difficoltà.

L’amore è un’energia che parte dal centro del nostro essere e ci rende simili a Dio.

E’ qualcosa che, nonostante tanti studi e tante dissertazioni, non si riesce a definire, a condividere, a localizzare.

L’amore è un modo di essere.

Uno stato dell’anima.

Qualcosa che sfugge alla logica e alla ragione.

Un’energia impossibile da descrivere… si può soltanto vivere!

Perché ognuno ha il suo modo di amare.

Personale.

Diverso da chiunque altro.

Unico.

E speciale.

Per questo l’amore è normalmente anormale.


La normalità, in amore, non esiste


Ognuno di noi immagina l’amore a modo suo, e pensa che gli altri associno alla parola “amore” gli stessi pensieri, le stesse emozioni, le stesse sensazioni, gli stessi vissuti.

Quando parliamo dell’amore e di come l’abbiamo vissuto, riusciamo a capirci facendo delle sovrapposizioni di significati uno sull’altro.

Poi ci indigniamo nello scoprire che, invece, le cose funzionano in modo differente per ciascuno.

“Hai visto? Ha dato via il suo gatto!”

“Hai sentito? Ama un’altra ma non si separa dalla moglie!”

“Ma lo sai che Piero ha preso in affidamento un bambino?!”

“Pensa che Annalisa non vuole avere figli!”

Ci sorprendiamo, ci scandalizziamo, ci immedesimiamo… ma ogni storia d’amore è una storia diversa e l’amore suscita tanto scalpore proprio perché ognuno lo vive a modo suo.

“Io al suo posto avrei fatto così”

“No, io non l’avrei mai fatto!”

“Io si che gliel’avrei detto!”

Ci piace curiosare nella vita degli altri, indossare i loro sentimenti e provare a viverli come se fossero i nostri, per poi concludere che la nostra vita è solo nostra… ed è fatta così.

Con l’amore che funziona, o non funziona, ma a modo nostro.

L’amore è un fatto personale.

Possiamo raccontarcelo, ma è molto difficile condividerlo davvero.


Io non sono normale: IO AMO


Nel mio lavoro incontro tanta gente e sento tante, tantissime storie, quasi sempre d’amore.

L’amore muove il mondo e sconvolge la vita.

Possiamo parlarne, discutere, confrontarci, arrabbiarci, litigare, perfino odiarci! Ma poi, ognuno di noi deve trovare il proprio modo personale di impersonare l’amore.

Personificare, incarnare, interpretare, indossare, essere l’amore.

Perché l’amore è tutto.

E senza amore non si può vivere.

Possiamo avere tante sfumature dell’amore ma non possiamo ignorare che l’amore è la sostanza di cui è fatta la vita ed è impossibile estirparlo.

Tutte le emozioni sono espressioni diverse dell’amore.

(Anche l’odio, purtroppo, attinge in modo distorto alla stessa potente energia)

L’unica antitesi all’amore è l’indifferenza.

E nessuno può essere totalmente indifferente.

Ecco perché, come esseri viventi, incontriamo l’amore ad ogni passo e dobbiamo imparare a conoscerlo e ad attraversarlo senza esserne travolti.

Tante persone si rivolgono a noi, specialisti della psiche, per avere un supporto nelle questioni d’amore.

Quasi tutti chiedono di essere aiutati a veleggiare il mare dei sentimenti senza essere trascinati via dalle sue correnti e senza incagliarsi nelle secche delle passioni.

Io non sono normale: IO AMO è il frutto di tante storie d’amore raccontate e condivise nel segreto di uno studio psicologico. Una bussola emotiva per viaggiatori solitari. Un diario di bordo, per condividere insieme il clima e i venti delle perturbazioni emozionali.

Lo studio di uno psicologo è simile a un faro che illumina il percorso ai naviganti.

Non spetta allo psicologo decidere quale sarà la rotta di ciascuno, è importante, invece, aiutare ogni persona a liberare la vista dalle nebbie del pregiudizio, del conformismo e della paura, in modo che possa riprendere velocità e veleggiare senza incertezze e senza pericoli, fino al prossimo porto.

Dal mio punto di osservazione ho potuto vedere marinai di tutti i generi destreggiarsi con ogni tipo di condizioni meteorologiche: immobilità delle depressioni, mareggiate delle passioni, brezze fresche dell’entusiasmo, vortici del lutto e dell’abbandono, tempeste della separazione…

Da tutto questo nasce il blog io non sono normale: IO AMO.

Ogni volta che pubblico un post, cari lettori, amici e curiosi, spero che possiate trovarvi uno spunto di riflessione e un incentivo a continuare la vostra traversata emotiva fra le onde dei sentimenti, e se anche una persona soltanto riceverà un beneficio dalla lettura di questi articoli, i miei obiettivi saranno stati raggiunti.

L’amore è un enigma talmente misterioso e personale che toccare un cuore è già un successo incredibile.


Grazie a te che leggi queste mie parole.

Dentro c’è tutto il mio amore.

E anche (quasi) tutta la mia vita.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

3 commenti

Lug 11 2012

VADO IN VACANZA! … partire o incontrare sé stessi?

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

Le vacanze sono una delle tante prescrizioni sociali che tutti noi dobbiamo assolvere periodicamente.

In origine le ferie dovevano essere un momento di riposo per recuperare le forze perse durante il lavoro, lo spazio in cui ripristinare l’ascolto interiore di se stessi e del proprio benessere.

Oggi però, il mercato propone droghe e divertimenti sempre diversi e sollecita la nostra curiosità suggerendo posti nuovi dove andare a spendere i soldi guadagnati faticosamente durante l’anno.

Partire nelle vacanze è diventata una necessità, quasi per tutti.

Chi vive al nord non vede l’ora di andare al sud, e chi invece sta al sud  è impaziente di trasferirsi al nord.

Viaggiare sembra essere il traguardo più ambito delle vacanze.

E per raggiungere questo fine siamo disposti a spendere molti soldi, sopportare estenuanti spostamenti, prenotare e organizzare ogni cosa con mesi di anticipo, rischiando di ritrovarci poi, il giorno della partenza, senza più l’entusiasmo previsto ma con l’inderogabile necessità di assolvere tutto ciò che era stato programmato in precedenza.

Le ferie sono diventate un momento di evasione non solo dal lavoro ma, spesso, anche da se stessi.

I ritmi frenetici imposti dalla nostra civiltà non ci lasciano tempo per riflettere e per esplorare il mondo interiore.

Siamo talmente assuefatti a correre e disabituati a scoprire la nostra anima che durante i periodi di riposo, quando ci ritroviamo di colpo privi della stressante organizzazione quotidiana, andiamo incontro a un forte senso di disorientamento e di disagio.

Ecco, allora, che il viaggio diventa un ottimo sostituto della frenesia lavorativa e le vacanze, più che essere un momento di riposo, si trasformano in un’alternativa all’agitazione di ogni giorno.

“Sei in ferie? Beato te! E dove vai?”

La domanda suona come un obbligo e presuppone l’inevitabile necessità di evadere.

Essere in ferie e restarsene a casa è considerato roba da malati, un’evenienza triste e decisamente sfortunata.

Partire è inevitabile!

È diventato (quasi) un dovere.

Serve a rispondere alle domande degli amici e ad aggiornare l’album dei viaggi (siamo andati qui, siamo andati lì, siamo andati là…).

Serve a sentirsi vivi.

Serve a sfuggire quell’assordante silenzio interiore che incombe quando ci si ferma.

Serve a continuare a correre… e a desiderare di rientrare al lavoro!

(Quando finalmente si riprenderà la vita di tutti i giorni, con qualcosa di più da raccontare agli altri e a se stessi)

Anche perché, diciamocelo, viaggiare non è per niente rilassante.

Cambiare letto, cambiare bagno, cambiare stile alimentare, cambiare fuso orario, cambiare clima, cambiare abitudini, sono eventi stressanti.

E a questo stress, va aggiunto lo stress delle convivenze (nelle case estive, in barca, in camper, in campeggio, ecc) spesso causa di tensioni e incomprensioni tra amici, parenti, vicini e conoscenti.

Insomma, di riposo non si tratta per niente.

Ma ciò che rende le partenze così desiderabili, è l’opportunità di evadere l’ascolto della propria anima e la riflessione sul significato della propria esistenza.

Partire serve, spesso, a evitare se stessi.

Perché niente rende più nervosi che ascoltare tutto quello che non ci siamo detti, travolti dai mille impegni della vita quotidiana.

E niente rilassa di più che risolvere il disordine interiore.

Ci sono bisogni, desideri, cambiamenti, che attendono il momento del nostro riposo per rivelarsi e trovare attenzione, comprensione e soluzione.

Ci sono parole che abbiamo bisogno di dire a noi stessi, decisioni che dobbiamo prendere, trasformazioni che aspettano di essere attuate.

Tutto questo lavorio interiore permette lo strutturarsi di nuovi equilibri, è il rimo della crescita psicologica, la via per il benessere mentale e fisico.

Un benessere che poggia sul cambiamento, perché la vita è evoluzione e acquista senso e significato solo quando questa evoluzione può essere accolta ed espressa.

Certo, ci sono viaggi che permettono e agevolano questo processo interiore.

Sono viaggi con se stessi e dentro se stessi.

Viaggi che non presuppongono necessariamente una partenza e un arrivo in località diverse del pianeta.

Ma che prevedono una partenza e un arrivo in identità diverse di sé.

E spesso, chi parte per questi viaggi non è chi ritorna indietro.

L’identità è un mutamento continuo di sé, capace di dare compimento ed espressione alla  nostra poliedrica creatività interiore.

Non sempre è necessario partire, per incontrare se stessi.

A volte, occorre ritrovarsi nei luoghi dove si è smarrita la propria profonda verità.

“Quest’anno? Non mi sono mosso da casa. Eppure… ho fatto più esperienze che se avessi circumnavigato il mondo!”

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

4 commenti

Nov 21 2011

A-NORMALI si nasce o si diventa?

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

A-normali si nasce.

Normali si diventa.

In un mondo sano tutti dovrebbero essere A-normali.

Ogni essere è unico, originale, irripetibile; la sua diversità è il contributo che porta al mondo, una ricchezza che si aggiunge alla poliedricità delle esistenze e fa più bella la vita.

Tanti modi differenti di sentire, di essere, di pensare rendono interessante la scoperta e la conoscenza l’uno dell’altro e creano: RICCHEZZA ESISTENZIALE.

 

Ricchezza esistenziale… una risorsa poco considerata.

Oggi è d’obbligo seguire la corrente.

Chi non partecipa, chi si differenzia, è guardato con sospetto, trattato con diffidenza o addirittura emarginato.

Ma, nascosta dentro il cuore di ciascuno, esiste una Anormalità inalienabile. Che cerca solo di trovare la propria dignità e la dovuta ammirazione.

Che gusto ci può essere nel vestire tutti allo stesso modo, mangiare tutti le stesse cose e pensare tutti uno stesso unico pensiero?

Eppure…

Per qualcuno (pochi) un gusto c’è.

Il gusto perverso di forgiare una popolazione di servitori.

Con una divisa, che si chiama: moda.

Con una catena ai piedi, che si chiama: stipendio.

Con delle brevi libere uscite, che si chiamano: ferie.

E con una prigione invisibile cucita addosso, che si chiama: normalità.

Ma la normalità è un’omologazione che fa ammalare.

E noi psicologi, purtroppo, lo verifichiamo ogni giorno.

Certo, tutti abbiamo bisogno dell’approvazione e del riconoscimento l’uno dell’altro.

Ma vogliamo essere riconosciuti proprio nella nostra speciale unicità.

La normalità ci costringe a rinunciare alle nostre peculiarità e all’originalità che ci contraddistingue, pur di trovare conferme e considerazione.

Conferme e considerazione che non bastano mai, quando non sono rivolte al cuore della persona, alla sua specificità.

Un invisibile coach, chiamato informazione  ci insegna, impercettibilmente, a livellarci nel conformismo.

Fino a che la normalità diventa il nostro vestito.

Quell’apparenza che bisogna mostrare per sentirsi bene in mezzo agli altri. Altri che, inevitabilmente, indossano la stessa divisa e ne rimangono imprigionati.

Poi, in nome di questa sbandierata normalità, sacrifichiamo gli impulsi più veri, la nostra autenticità emozionale. Quel modo unico e speciale con cui ognuno interpreta la vita.

A-normali si nasce.

Normali lo si può diventare.

Forse per non sentirsi troppo soli. Forse per essere amati.

Però l’amore, ottenuto nascosti dietro un normale falso sé, non soddisfa la fame ed è come ingoiare il menù al posto del pranzo.

Nessuno può essere mai uguale a un altro, nemmeno quando si nasce gemelli.

Il nostro vero sé è A-normale.

Aspetta, inestirpabile e incorruttibile, il momento di rivelare la sua verità.

Sincero.

Unico.

Solo.

E per questo pieno di fascino.

E di creatività.

Il cuore non è normale.

E’ vero.

Vuoi saperne di più? 

Leggi il libro:

LA PERSONALITÀ CREATIVA

scoprire la creatività in se stessi per trasformare la vita

anche in formato ebook

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

19 commenti

Ott 27 2011

A PROPOSITO DEL DE’JA VU’…

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

Si chiama dèja vu la sensazione interiore di aver già vissuto un evento della propria vita che sta accadendo nel momento presente.

Il dèja vu è un fenomeno che mette bene in evidenza la coesistenza in noi di due modalità conoscitive differenti: la percezione sensoriale e la percezione cardiaca .

La comprensione del tempo che scorre ci serve per muoverci agevolmente nella realtà fisica.

Ma la realtà fisica non è l’unica realtà che sperimentiamo.

Oltre alla mondo dei sensi esiste un mondo emotivo che s’intreccia con le esperienze materiali e intesse la nostra vita di sensazioni e sentimenti.

Il tempo del cuore è un tempo diverso da quello cronologico.

Il tempo cronologico scorre.

Il tempo degli affetti non scorre.

E’.

Punto e basta.

Sperimentiamo questo stato senza tempo  quando siamo coinvolti in qualcosa che ci appassiona, può succedere in compagnia di una persona speciale, guardando un film, durante un lavoro creativo.

spazio-bianco-corto

Mentre siamo immersi in un’esperienza cardiaca, le cose durano sempre: un istante.

Anche se sono trascorse delle ore.

Questo succede perché la passione è uno stato emotivo che non ha bisogno del tempo per dispiegarsi.

Durante un’esperienza emozionalmente coinvolgente, entriamo in contato con la realtà cardiaca e con le sue regole.

Quando, però, spostiamo la nostra attenzione sulla realtà fisica, il tempo riprende la sua funzione regolatrice degli eventi e scopriamo che l’immediatezza della nostra percezione emotiva, per svolgersi nella realtà temporale, può impiegare… anche parecchie ore!

La percezione cardiaca legge la vita con codici affettivi e non ha bisogno del tempo.

Nel cuore le cose succedono in un immediato/sempre.

 

Ogni tanto (senza sapere quando e come, perché la logica non funziona bene con le emozioni) scivoliamo in un non tempo affettivo e sperimentiamo quell’immediato/sempre insieme all’adesso che scorre.

E’ il fenomeno del déja vu

L’effetto è buffo e disorientante, sembra di camminate due volte sullo stesso fotogramma temporale.

Quello che succede è la sovrapposizione di uno stato di coscienza in cui si percepisce lo scorrere del tempo con un altro stato di coscienza che esiste fuori dal tempo.

Quando siamo in quell’immediato/sempre affettivo, l’orologio non serve, basta il cuore.

Se sovrapponiamo alla dimensione emotiva lo scorrere del tempo, ci sembra di aver già vissuto quel momento.

Ma già vissuto è soltanto la spiegazione che la ragione si da, con gli strumenti che ha.

Di fatto, la mente non può leggere i codici del cuore perché appartengono a uno stato di coscienza diverso.

Perciò, nel tentativo di interpretarli, li deforma.

Il tempo è un sistema di lettura della realtà che non appartiene alle esperienze affettive.

Il cuore conosce un coinvolgimento che include ogni cosa: i protagonisti, lo scenario, gli oggetti.

Nel vissuto cardiaco lo scorrere del tempo non esiste, c’è solamente l’emozione che permea tutto in un presente senza nessun tempo.

Quando sovrapponiamo il tempo che scorre al permanere del cuore, ci sembra di vivere la stessa cosa due volte: una volta nella cronologia degli eventi e una volta nel sempre cardiaco in cui passato, presente e futuro coincidono in un unico istante, sempre presente.

Questa duplicità disorienta la ragione che deduce: “Siccome questo episodio lo conosco, devo averlo già vissuto prima di adesso”.

La mente non si arrenderà mai a qualcosa che non sia sequenziale, perché sfugge al suo controllo.

E la mente ha una funzione di controllo, indispensabile per padroneggiare la realtà fisica.

Perciò trasforma l’esperienza, che la coscienza sta sperimentando contemporaneamente nella dimensione a-temporale e nella dimensione temporale, in un fenomeno cronologico in cui l’evento inevitabilmente dovrà essere successo anche prima.

Possiamo paragonare la coscienza a un computer con programmi differenti, ognuno con regole e codici propri.

Se utilizziamo il programma “percezione cardiaca”, tutto è misteriosamente e appagantemente perfetto, pur nella sua imperfezione, semplicità o inutilità.

Perché vive in un “sempre/senza tempo” in cui la mente logica non ha accesso.

Se invece usiamo il programma “scorrere del tempo”, allora tutto può essere migliorato o peggiorato in quel durante che trascorre passando da prima a dopo.

I fenomeni di déja vu ci ricordano che il tempo è uno strumento utile alla coscienza per fare esperienza della fisicità.

La realtà emotiva si serve di altri mezzi (diversi dal tempo) per sperimentare conoscenze differenti dalla fisicità.

Il cuore non è normale.

E’ vero.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

5 commenti

Ott 11 2011

A PROPOSITO DEI FENOMENI PARANORMALI…

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

Chi possiede una personalità creativa ha spesso fenomeni paranormali di vario tipo.

Questo succede già quando si è molto piccoli.

I bambini vivono con naturalezza la paranormalità e, solo in seguito agli atteggiamenti ridicolizzanti o colpevolizzanti degli adulti, imparano a vergognarsene e a nasconderla come se fosse qualcosa di sbagliato.

Ma cosa s’intende con fenomeni paranormali?

Tutto ciò che succede a dispetto della fisica, della logica e della ragione è considerato paranormale.

Cioè A-normale, perciò sbagliato e quindi da evitare.

La parola paranormalità non piace. Evoca sedute spiritiche e malvagità oppure giochi di prestigio e trucchi da baraccone.

La scienza ufficiale la deride e non la riconosce, le religioni la demonizzano e la vietano.

Noi psicologi, che non siamo né scienziati né religiosi, poiché ci occupiamo di mente, psiche e cervello con la paranormalità dobbiamo fare i conti.

Il termine paranormale indica una serie di fenomeni psichici che trovano spiegazione nelle peculiarità dell’emisfero destro del cervello.

Poiché l’emisfero destro è sempre ben attivo in tutte le personalità creative, frequentemente accadono loro fenomeni paranormali.

L’emisfero destro utilizza una modalità conoscitiva basata sull’immediatezza e sulla sintesi, diametralmente opposta alla più comune modalità dell’emisfero sinistro incentrata sulla sequenza e sullo scorrere del tempo.

I programmi scolastici fanno sì che l’emisfero sinistro si sviluppi maggiormente rispetto al destro, perciò durante la crescita le peculiarità del destro diventano poco attive.

La maggior parte delle persone perde le proprie potenzialità paranormali entro i dodici anni.

Le personalità creative, invece, sono poco addomesticabili e, nonostante gli studi e per quanti sforzi facciano, non possono rallentare le attività del loro emisfero destro che rimane sempre molto vitale.

Ecco perché hanno spesso fenomeni paranormali.

I fenomeni paranormali si producono grazie al buon funzionamento del loro emisfero destro che li informa inspiegabilmente e improvvisamente su fatti solitamente conosciuti nel corso del tempo o grazie a una sequenza di passaggi logici.

IL TEMPO E L’INCONSCIO

Oltre alla paranormalità, noi psicologi abbiamo una visione diversa da scienza e religione anche per quanto riguarda il tempo.

Per noi il tempo può presentarsi in due modi differenti.

Uno è lo scorrere del tempo, in cui ci sono: passato, presente, futuro e un durante che trascorre dal passato verso il futuro.

L’altro modo è il tempo dell’inconscio, dove ciò che succede esiste sempre in un costante presente che si conosce grazie ad associazioni affettive.

I traumi, ad esempio, nell’inconscio sono sempre presenti e, anche quando sono passati, mantengono invariate tutte le loro peculiarità. Purtroppo.

Per fortuna, anche i momenti felici mantengono nell’inconscio tutta la loro attualità.

Le proprietà del tempo nell’inconscio spiegano perché chi ha subito un trauma, per esempio un incidente d’auto, non riesce più a salire in macchina senza provare reazioni di paura e di fuga proprio come se l’incidente stesse succedendo in quel momento.

Queste caratteristiche ci aiutano a capire come mai facciamo tanta fatica a chiudere le storie che non vanno bene. Nell’inconscio i momenti belli trascorsi in passato (anche se pochi) esistono in un eterno presente e interferiscono con la consapevolezza delle miserie e delle tristezze attuali.

La paranormalità spiega tanti fenomeni strani che succedono alle personalità creative.

Fenomeni che solo alcuni accolgono con gioia e curiosità mentre la maggior parte li demonizza e li vive con paura.

Credo che la scarsa conoscenza dei meccanismi che determinano l’accadere di questi fatti ci renda tutti diffidenti e spaventati, mentre una maggiore dimestichezza ci permetterebbe di utilizzare al meglio le possibilità a nostra disposizione.

Questi fenomeni non sono pericolosi, anzi! Sono delle risorse in più da utilizzare.

Occorre comprenderli e liberarli dal manto di superstizione che li avviluppa, etichettando chi li vive come un pericoloso portatore di diversità e di negatività.

Aprire il dialogo su questi argomenti aiuta a prendere confidenza con una diversa modalità di conoscenza.

Una modalità immediata e istintuale che le specie animali utilizzano spontaneamente per sopravvivere e comunicare tra loro.

L’istinto si basa su una conoscenza che sfugge ai meccanismi della ragione, ma che può essere altrettanto valida ed efficace.

Ascoltare le proprie intuizioni non significa smettere di pensare o di ragionare, ma utilizzare degli strumenti in più per vivere meglio.

Il cuore non è normale.

E’ vero.


MyFreeCopyright.com Registered & Protected

5 commenti

Mag 26 2011

IO NON SONO NORMALE: AMO TROPPO!

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

Io non sono normale,

  • amo troppo!

  • amo in modo sbagliato!

  • amo senza selezionare nulla!

  • amo anche quando non voglio!

  • amo senza nemmeno rendermene conto!

  • amo a sproposito!

  • amo stupidamente!

  • amo senza ritegno!

  • amo goffamente!

  • amo incessantemente!

Mi tornano alla mente tanti volti e tante storie diverse, tutte con la stessa disarmante richiesta:

“Voglio essere come tutti gli altri. Voglio essere normale!


Angela, Sara, Matteo… i nomi e i racconti personali cambiano, la sofferenza è sempre la stessa.

“Quali risultati vorrebbe ottenere diventando “normale”?” domando ogni volta.

Mentre osservo i loro occhi, carichi di disperazione e di speranza, mi preparo a una lunga trattativa.

Dobbiamo definire insieme il punto di arrivo del lavoro psicologico e, finché non ci troveremo d’accordo sui risultati da raggiungere, non si potrà cominciare nessun percorso.

Angela, Sara o Matteo dovranno essere aiutati a comprendere che non si può cambiare la propria capacità di amare, se non per amplificarla.

Non si può ridurla.

Non si può lobotomizzare l’amore.

Si può solo farlo crescere!

E questo è esattamente il contrario di ciò che mi stanno chiedendo con tanta speranza e tanto desiderio.

Ecco perché il mio mestiere richiede pazienza…

“Come mai non le piace questo suo modo di amare?” chiedo.

“Sta scherzando? E come potrebbe piacermi?! Certo che non mi piace!!!! Mi crea un sacco di problemi inutili! Le sembra bello piangere guardando il TG?!”

Angela mi guarda innervosita.

“Eppure” rispondo “il telegiornale riporta notizie talmente tristi e catastrofiche che mi sembra difficile non piangere. Se una persona s’immedesima nella sofferenza degli altri, non può che sentirla dentro di sé come se fosse la sua.”

“Si, infatti…”

“La capacità di comprendere il dolore degli altri è una cosa buona. Chi la possiede ha una marcia in più. Significa che ha un cuore.”

“Ah! Be’… di quello io ne ho anche troppo!”

Andiamo avanti così. Lavoriamo sul valore e sull’importanza di saper ascoltare il proprio cuore e arriviamo alla fine dell’ora con un accordo costruito insieme.

Non ci occuperemo di cambiare i sentimenti, ma uniremo le forze per imparare a gestirli.

Imparare a gestire i sentimenti, senza censurarli e soprattutto senza vergognarsene è il primo passo verso una vita migliore.

Una vita dove le emozioni siano permesse, ascoltate, comprese e valorizzate.

Una vita libera dalla guerra contro il proprio cuore.

E’ il primo passo per costruire un mondo migliore.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

7 commenti

Mag 07 2011

IO NON SONO NORMALE: SONO LIBERO

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia


Tutte le cuoche sanno fare una torta di mele…

La torta di mele si fa sempre con gli stessi ingredienti, ma ogni cuoca la prepara a modo suo, mescolando le dosi in quell’irripetibile mix che fa di lei uno chef unico al mondo.


E’ così che atterriamo nella vita. Con la nostra alchimia originale che è insieme l’espressione di noi stessi e il dono che portiamo agli altri, la nostra speciale: torta di mele.



Credo che un cuoco sia grande quando le sue ricette diventano uniche, perché unico è il modo in cui ciascuno gusta la vita.

Così ritengo che la normalità sia la patologia del secolo, quella malattia che, incatenando la creatività, ci rende schiavi dentro una vita al servizio del conformismo.

Si può essere diversi e “a-normali”.



Ci si può permettere di avere un cuore. Con cui ognuno assapora la vita a modo suo.

Si può essere “a-normali” ed essere liberi, creativi, originali, appassionati, sinceri.

Nella ricetta della felicità questi ingredienti sono fondamentali.

L’amore è diverso per tutti.

Per questo ci rende unici e speciali.

Per questo rende speciale ogni essere che amiamo.

Nessuno è normale.

Quando ama.



MyFreeCopyright.com Registered & Protected

9 commenti

Mag 04 2011

EMOTIVITA’ A-NORMALE

Pubblicato da archiviato in Psicologia,Psicoterapia

Nel corso dei colloqui psicologici, i pazienti raccontano spesso una sofferenza apparentemente ingiustificata. Parlano di un dolore che si aggiunge e aggrava il dolore considerato “normale”, quello cioè che, inevitabilmente, s’incontra durante la vita. E incolpano di quel dolore “aggiunto” la propria sensibilità, il loro modo di amare.



Questa emotività A-normale costituisce ai loro occhi un fardello inutile ma, a volte, tanto pesante da non riuscire più a muoversi.

UN NORMALE ATTACCO DI PANICO


E’ quello che da un po’ di tempo capita a Laura.

Laura che non esce più da casa e che, per venire in terapia, deve essere sempre accompagnata da qualcuno.

Una ragazza alta, bella e slanciata, consumata dagli attacchi di panico.

Non molto tempo fa era attiva, indipendente, piena d’interessi e di entusiasmo. Oggi è ridotta a una dipendenza dagli altri quasi totale.

Anche lei mi racconta la stessa insopportabile sensibilità.

“Mi commuovo sempre, anche quando non sarebbe opportuno! A casa mi chiamano lacrimuccia…” stringe i pugni, arrabbiata con se stessa e con quell’emotività che la rende oggetto di scherno da parte delle persone a cui vuole bene.

“Voglio cambiare, dottoressa! Mi aiuti. Voglio essere diversa.”

“Come vorrebbe essere?” le chiedo.

“Vorrei essere indifferente, fregarmene di tutti, pensare solo a me stessa e non aver più bisogno di nessuno!” afferma, lo sguardo rivolto in alto a cercare quella se stessa, impossibile e desiderata come se fosse una vincita milionaria al superenalotto.

Per fortuna non esiste una cura in grado di cancellare il cuore!

Sulla base dell’esperienza clinica che ho maturato, credo che i sentimenti, la tenerezza e la cooperazione, siano l’unica medicina capace di curare la sopraffazione che sta avvelenando la nostra “civiltà”.


La sensibilità e l’empatia non sono malattie da curare ma, al contrario, costituiscono una cura per l’indifferenza, il cinismo e l’aridità di cuore (proprio quelle “malattie” che a volte mi viene chiesto di ottenere).

L’affermazione “Voglio essere normale” nasconde una trappola psicologica. Presuppone l’esistenza di uno standard uguale per tutti ed esclude la possibilità di esprimere l’unicità e la creatività che caratterizzano ogni essere.

Secondo la definizione del dizionario Merriam Webster, la salute mentale è “uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l’individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all’interno della società e rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno”.

Per raggiungere questo stato è indispensabile esprimere la propria originalità e il proprio potenziale creativo, infatti, è proprio la possibilità di manifestare ciò che siamo quello che ci fa sentire utili, soddisfatti, realizzati e felici.

Come afferma Bruno Munari: “Una persona creativa è una persona felice”, mentre chi non può esprimere la propria peculiare verità e originalità è una persona che inevitabilmente soffre, non sentendosi realizzata.

La creatività non può essere “normale”, può solo essere originale, diversa, nuova.


La “normalizzazione delle emozioni” costituisce una violenza agita a discapito della salute mentale e del benessere psicologico.

Non ci sono emozioni normali ed emozioni anormali, ci sono modi di sentire diversi per ciascuno di noi e ogni sentimento ha diritto di accettazione e di esistenza.

Per questo, cercare di raggiungere la normalità è, a mio parere, una patologia, una prigione mentale costruita intorno al proprio modo di amare.

In nome della “normalità” imbavagliamo e leghiamo la sensibilità e la creatività e troppo spesso finiamo per rinunciare alla nostra verità.

Il cuore non è normale.
E’ vero.


MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Un commento presente

Pagina successiva »